Riflessioni senza Tempo

Estote Parati

 

Di Scoutistica memoria, Estote Parati (siate pronti) così recitava Robert Baden Powell la latina locuzione, oggi ripresa da Roberto Pinotti in una "lettera aperta" postata su fb il 9 Novembre scorso.

Il documento, parla di una fantomatica rivelazione che Pinotti avrebbe fatto in questi giorni; un contenuto a dir poco inquietante che lascia spazio a varie considerazioni, a cose non dette o confezionate a dovere, notizie riservate delle quali Pinotti  sembrerebbe invece essere al corrente...

La Lettera

LETTERA APERTA
Cosa fare, di questi tempi? Quando ci si accinge a dire lapropria e lo si fa presente c’è sempre chi ti previene credendo di poter anticipare il tuo pensiero e le tue intenzioni. Così è bastato accennare di voler dire delle cose a chi ti segue in rete per innescare di tutto e di più. Per cui entriamo nel discorso e diamo un taglio a certi strumentali tormentoni innescati in rete da sputasentenze, scettici di professione, paranoici del web e quant’altro.

Quanto mi accingo a suggerire è un caldo, sereno e fraterno consiglio che in fondo trascende gli UFO e gli alieni, anche se è coerentemente e assolutamente in linea con l’approccio alla “ESTOTE PARATI!” di cui al mio ultimo libro UFO: OLTRE IL CONTATTO (Oscar Mondadori), esauritosi in tre mesi e ora in ristampa. Se gli Italiani non sono imbecilli, dovrebbero capire da soli che Letta, Napolitano, Renzi e Alfano proprio non ce la raccontano giusta (mentre i deludenti Grillo e soci menano il can per l’aia) e che la crisi persiste, mentre le cose peggiorano e anzi per la gente peggioreranno ancora. La crisi, dopo il collasso dell’ugualmente fasullo modello comunista, resta una crisi di sistema, col capitalismo nella sua fase agonica. Altro che la Grande Depressione del 1929! Pertanto il peggio ci attende, piaccia o no, con un’Italia che i Potentati Occulti hanno da tempo deciso di trasformare in una realtà svenduta atta a produrre manodopera geniale e qualificata a basso costo. E quale è per noi nel “Belpaese” sotto attacco il bene rifugio? Non l’oro, non il mattone, ma la famiglia. Se infatti non ci fossero i nonni o i genitori con le loro modeste ma sicure pensioni, per tanti giovani non ci sarebbe speranza. Per cui il nostro piccolo “Fort Apache” familiare che ancora “tiene” va preservato, tutelato e difeso. Anche se si è solo in due e perfino se si è single. E come? Con ogni doverosa cura tesa a prevenire ogni possibile emergenza. E l’emergenza è ormai la regola. Così non possiamo essere alla mercè delle situazioni di instabilità che andremo ad affrontare. E per prevenire il peggio, occorre organizzarsi, garantendo l’efficienza della “fortezza famiglia” in modo da non essere presi di sorpresa di fronte a qualsiasi spiacevole evenienza a fronte di “Autorità” sempre più imbelli e assenti. Mentre la casa è colpita con tassazioni fasciste, da sociologo mi rendo conto che in un prossimo futuro scioperi, comportamenti devianti da parte di soggetti esasperati e disperati e violenza urbana costituiscono altrettanti fattori in crescita esponenziale, e la possibilità concreta di cali nell’approvvigionamento di beni di prima necessità è dietro l’angolo, come pure scenari inquietanti di emergenza energetica. Anche se sappiamo benissimo da astronomi e Protezione Civile che “flares” solari potenti e da tempo previsti potrebbero effettivamente replicare a breve l’effetto Carrington con conseguenti e disastrosi black out elettrici, informatici e nelle comunicazioni, mentre situazioni geofisiche e climatiche a rischio sono in crescita e anche in tale ambito ci si attende realisticamente il peggio (dal Vesuvio al Marsili, dall’atteso “Big One” californiano al possibile rimanifestarsi di fenomeni astronomici alla Celyabinsk), l’idea di non essere nel caso in grado di fronteggiare contesti critici generalizzati è inaccettabile. Così, con i tempi che corrono e finchè è ancora possibile, in ogni famiglia dovrebbe seriamente guardarsi alla creazione di un “polmone” per 2-3 mesi di completa autonomia, formato da un “kit-rifugio” costituito da un minimo di scorte alimentari non deteriorabili (scatolame vario da frutta e verdura a carne e pesce, crackers, acqua minerale e latte a lunga conservazione), scorte energetiche (pile, batterie, candele, etc.), medicinali di base e quanto può servire a fronteggiare criticità nella erogazione di luce, gas e carburanti. La creazione di una tale “scorta” atta a fare fronte nell’immediato a qualsiasi situazione di difficoltà sul piano pratico della normale sopravvivenza non è strategicamente necessaria: sta diventando sempre più indispensabile…
Queste indicazioni concrete e pragmatiche e questi consigli di buon senso ma forse destinati ad essere etichettati come non propriamente “politically correct” mi assicureranno da certuni l’epiteto di “allarmista”, “catastrofista”, “qualunquista”, “antieuropeista”,“populista” e magari altri “…ista” ancora. Costoro si accomodino pure.
Personalmente, ritengo che “prevenire è meglio che curare”. Siamo già in una situazione “malata” a livello terminale e la prevenzione è diventata un obbligo…
Buona fortuna. Fra breve ne avremo bisogno tutti. Calma e sangue freddo, comunque. Oggi più che mai ci vuole lungimiranza e lucidità…

Roberto Pinotti

 

Le mie considerazioni

Pinotti si ripeterà ma ha perfettamente ragione...senza entrare nell'analisi socio - politico - militare (non sono un esperto), mi sento di aggiungere ulteriori indicazioni a quanto dice il Past President del Cun-Italia
Il quotidiano di Piacenza Libertà, è uscito ultimamente con un inedito - bellissimo e "coraggioso" inserto sulla FAMIGLIA a firma di Riccardo Ruggeri, dal titolo Insieme più Forti, messaggio in perfetta linea con quanto dice Roberto Pinotti
 
 
Ho virgolettato l'aggettivo Coraggioso (dal latino Coraticum..avere CUORE), in quanto è anomalo o almeno inusuale che un giornale laico come Libertà, affronti con PASSIONE l'argomento della Famiglia, sbandierato (per comodo e moda) dai media, ma puntualmente disatteso nella realtà delle quattro mura.. e ve lo dico a ragion veduta dato che la mia attività di volontario nel soccorso sanitario mi porta a conoscenza diretta di vicende all'interno delle mura domestiche, non sempre edificanti, anzi..(e qui mi fermo per decenza e segreto professionale).
 
 
 
Certi contattisti e canalizzatori (ne conosco alcuni) che ritengo seri e lontani da facili sensazionalismi, da tempo ci comunicano che dovremo passare per la "cruna dell'ago" (per citare un passo del Vangelo), i segnali dal Cielo sono sotto gli occhi di tutti, le piogge meteoritiche anche se tentano (loro) di nasconderne l'evidenza ci sono e gli effetti in Russia (es) non sono panzane e/o visioni di drogati o allarmisti..
 
 
 
 
La debacle politica "globale" è sotto gli occhi di tutti, le finte crisi innescate ad-hoc da (loro) sono a livello endemico..epidermico se vogliamo parafrasare ciò che accade sugli abitanti del globo tanto per rialacciarci a quanto arriva dal cielo tramite le "irrorazioni tecnologiche" ed anche in questo caso vi posso assicurare che le malattie legate all'apparato respiratorio sono in netto aumento e NON solo negli individui anziani e/o immunodepressi.
 
Forse come riportano i canalizzatori, dovremo toccare il fondo per poi emergere, risalire la china, elevarci.. si ma quanti ce la faranno??  E' forse allora per questo che (loro) il potentato Terrestre, sta febbrilmente costruendo bunker nel permafrost, sta addomesticando le masse ad un imminente minaccia solare, la Nasa ultimamente sta diffondendo notizie su una Nuova Terra..(una nuova dimora Kepler 69 C), la Fema Fema Link ed il Capo della Nasa Charles Bolden da due anni a questa parte stanno diffondendo degli "allerta" non meglio specificati...
 

Nella nostra piccola penisola, ci sono aziende specializzate nel settore del soccorso sanitario che da circa Dieci anni a questa parte, si stanno preparando ad un evento Catastrofico sul ns. territorio; chi ha ordinato di produrre materiali per maxi emergenze a queste aziende (in tempi di pace) in attesa di un evento di Biblica portata... Bufale ? Verità?

Noi piccoli esseri non cambieremo di certo le sorti decisionali ed i guai scellerati GLOBALI combinati a tavolino da (loro), altresì NOI abbiamo la Forza, la CONSAPEVOLEZZA di ciò che sta accadendo quotidianamente e se mi è permesso azzardare questa frase direi che - se abbiamo Fede (qualsiasi sia l'entità superiore in cui crediamo) non dobbiamo avere paura...



Alberto Negri