Riflessioni senza Tempo

Canneto di Caronia Brucia Ancora

Caronia eff1

E' il 15 Gennaio 2004 siamo a  Canneto una frazione di appena 180 abitanti ubicata lungo la costa Tirrenica tra Marina di Caronia e Santo Stefano di Camastra, a metà strada tra Messina e Palermo.

Quel giorno, Canneto di Caronia balza alle cronache Internazionali, la tranquillità di questo centro venne interrotta improvvisamente da una serie di fenomeni di combustione, (apparentemente spontanei); contatori Enel, cavi elettrici, televisioni, elettrodomestici di ogni genere presero fuoco misteriosamente anche in assenza di erogazione di energia elettrica.

canneto-di-caronia-televisore-bruciato

 

I cittadini, impauriti da questi strani eventi, abbandonarono le proprie abitazioni e chiesero ospitalità ad amici e parenti lontani dal luogo. Da subito, ai primi esperti giunti sul posto, apparve difficile trovare una spiegazione scientifica, si iniziò a parlare di fenomeni paranormali, fantasmi e spiriti, tanto da valutare l’idea di interpellare un esorcista.

 

I FATTI

 

Le prime ipotesi parlavano di casi isolati, come: difetti di fabbricazione, sovraccarichi e surriscaldamenti; in seguito però, gli incendi aumentarono in maniera spropositata interessando apparecchiature ed attrezzature che erano parti integranti delle abitazioni e che non avevano mai dato problemi: citofoni, cavi elettrici, contatori, tubi dell’acqua, fino ad arrivare al rogo di una casa, completamente distrutta dalle fiamme, alla ricarica delle batterie dei cellulari sui quali display appaiono strani simboli, saltano chiusure centralizzate delle auto, si arriva alla perforazione di un parabrezza causata dall'innalzamento della temperatura un'antenna satellitare, i treni in transito si fermano.

Tecnici delle Ferrovie dello Stato, analizzarono eventuali dispersioni elettriche nell’impianto di alimentazione dei convogli ferroviari. Nelle vicinanze, infatti è presente la linea ferroviaria Messina-Palermo.

FS ME PA

 

Il team di esperti inviati dall’Enel e dalle Ferrovie dello Stato tentò invano di spiegare scientificamente i misteriosi incendi, ma dovette arrendersi all’evidenza: i cavi elettrici bruciavano anche in stato di black out, quindi in completa assenza di energia elettrica. Per evitare il peggio e non avendo dei dati oggettivi su come arginare il fenomeno, per la salvaguardia della popolazione locale, il Sindaco ordinò l’evacuazione del paese, abitanti ed animali vennero allontanati per ragioni di sicurezza, lasciando le Forze dell’Ordine a vigilare sugli immobili per evitare possibili azioni di sciacallaggio.

Dopo il nulla di fatto del primo team arrivato a Canneto, un secondo gruppo di esperti si preparava a raggiungere la località siciliana: ricercatori universitari, geologi, esperti di chimica, fisica, professionisti della Protezione Civile, Militari Italiani ed Alleati...   Navy

 

 

 

 

 

Prese così piede l’ipotesi che gli episodi di autocombustione fossero collegati a un'attività elettromagnetica dovuta alle caratteristiche geofisiche del sottosuolo ma anche questa supposizione venne ben presto scartata.

E' il 10 maggio 2005 quando la Presidenza del Consiglio dei Ministri istituì il Gruppo Inter-istituzionale per l’Osservazione dei Fenomeni” con ordinanza emergenziale della Protezione Civile n. 3428 che prevedeva una collaborazione tra Stato Italiano e Regione Sicilia, anche nello stanziamento di fondi.

          Incendi-misteriosi-a-Caronia

                                                                                                             VVF Caronia                                                     Tgr Caronia

 

Canneto venne monitorata tramite decine di sensori installati in tutta l’area, per individuare la misteriosa origine delle radiazioni.

 

Le apparecchiature,restarono attive per circa due anni nella speranza di captare un impulso più duraturo di quello che solitamente veniva intercettato e che durava qualche nanosecondo.

Un’impresa quasi impossibile poiché la breve durata del segnale non permetteva di determinarne la sicura provenienza ma solo una vaga posizione che venne identificata in un’area imprecisata in mezzo al mare in prossimità delle isole Eolie.

Due anni di ricerche furono comunque sufficienti per giungere a conclusioni da film di fantascienza:  la task force creata dalla Presidenza del Consiglio per indagare sui fenomeni e coordinata dall'Ing. Francesco Mantegna Venerando, in collaborazione con un tecnico della NASA ha elaborato la seguente conclusione :

“..Canneto di Caronia è stata colpita da onde elettromagnetiche di origine artificiale, capaci di generare una grande potenza concentrata, con fasci di microonde compresi nella banda tra 300 megahertz e alcuni gigahertz… fra i 12 e i 15 GW (12 / 15 Milioni di Kw/h) più precisamente”.«Tecnologie militari evolute anche di origine non terrestre, (così si legge nel fascicolo Riservato consegnato a Palazzo Chigi) 

potrebbero esporre in futuro intere popolazioni a conseguenze indesiderate. Gli incidenti di Canneto di Caronia potrebbero essere stati tentativi di ingaggio militare tra forze non convenzionali oppure un test non aggressivo mirato allo studio dei comportamenti e delle azioni in un indeterminato campione territoriale scarsamente antropizzato»

Successivamente, il Coordinatore della Task Force Sicilia Ing. Venerando, in un'intervista alla RAI, si fece "scappare" una frase alquanto sibillina sulla "concreta possibilita" di origine NON TERRESTRE, affrettandosi a sottolineare che NON intendeva dire che la causa dei fenomeni era da ricundurre tutta agli "Omini Verdi con le orecchie a punta" a ma...

 

Ufo caronia

 

ARRIVA anche il CICAP

Passano due anni e dopo aver avanzato innumerevoli ipotesi (Ufo, fenomeni elettromagnetici, induzione elettromagnetica generata della linea di alimentazione elettrica della vicina Ferrovia, test NATO, armi a microonde, ecc..), intervenne ANCHE il CICAP – Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale (chi li chiamò, a quale titolo e perchè non si sa), il team  fece esaminare alcuni campioni di oggetti “incriminati”, giungendo ad una conclusione:

- nessuno dei materiali elettrici risultava bruciato per effetto della corrente elettrica e mai il calore si era sviluppato dall’interno ma aveva colpito sempre le parti  arse dall’esterno, come se vi fosse stata applicata una fiamma di proposito.

 

A CASA TUTTI

A questo punto dato che la Mano è UmanaAlieni pare siano estranei (attenzione a questo passaggio), si decide di andare TUTTI a casa, causa mancanza di fondi per le ricerche, la cosa curiosa sta qua.. nelle parole di uno dei massimi esperti dalla Task Force voluta dal Governo Berlusconi, è il Fisico, Ingegnere Elettronico e Capitano di Fregata Prof. Clarbruno Vedruccio

 

Video del Prof. Vedruccio sui fenomeni di Caronia al IV Congresso GAUS 

 

 

Si "chiude baracca e burattini" (licenza di detto popolare) ... e già.. perchè le notizie (ufficiali ed ufficiose) sono talmente esplosive tanto che in Sicilia (si vocifera) finiranno per dover ammettere una serie di cose impensabili fino ad allora.. vediamole:

- La Protezione Civile, ammette che un Elicottero ha rischiato l’avaria proprio mentre il cielo di Canneto veniva tagliato da due oggetti volanti non identificati.                   canneto-di-caronia eli

- Bagliori subacquei diurni/notturni nello spazio di mare antistante Caronia

- Avvistamenti ripetuti di OVNI nella zona

- Attività di esplosioni sottomarine avvenute in risposta dopo il lancio di bombe di profondità da parte di Unità Navali Militari Alleate (notizia non confermata ma insistente negli ambienti)

                                                                     (a fianco Elicottero inseguito da presunti Ovni)

 

 Danno eli 1(danni subiti dall'Elicottero in volo, chi e perchè ha attaccato il velivolo?)     

                                           Danno eli 2                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Parte un’interrogazione parlamentare. Le indagini si fanno ancora più serrate, ma sul più bello la vicenda di Canneto di Caronia subisce uno stop.“Non possiamo più controllare l’area – dice laconico l'Ing. Venerando Non ci sono soldi, e ogni componente del Gruppo opera senza rimborsi e senza budget”. Insomma, di fronte al problema di sempre, su Canneto cala il silenzio. Ma qualcuno pensa che forse lo smantellamento e la dismissione di sensori e telecamere è un ordine che arriva dall’alto.. da molto in alto.

 

Regione Sicilia Articolo Ing. Venerando fenomeni di Caronia

 

Nel giugno del 2008 la Procura della Repubblica di Mistretta, Comune in provincia di Messina, non sapendo più a che Santo Votarsi, (o forse "qualcuno" li ha consigliati di fare così), concluse l’inchiesta attribuendo a “fiamme libere di mano umana” la causa degli incendi nelle abitazioni. Mistero spiegato? Se così fosse, perché allora un simile dispiegamento di mezzi e uomini, tra cui, lo ricordiamo: docenti universitari, ricercatori, studiosi, specialisti, forze armate, importanti enti nazionali, protezione civile? Per scoprire cosa?  ufo notte alphatangobravo a

 

Nel ginepraio di ipotesi si potrebbe tener conto anche delle attività M.U.O.S. e H.A.A.R.P. che come certamente tutti sanno, non sono delle vitamine ..anzi.

Fatto sta che il Gruppo si scioglie e a combattere per la verità rimangono solo gli abitanti del paesino che hanno ragioni più concrete per gridare la loro rabbia.

 

 

 

LUGLIO 2014

Cartina canneto

Dopo dieci anni ci risiamo.. i fenomeni si manifestano a partire da Martedì 15 Luglio AM Notizie.it 

 

Canneto di Caronia 1  

Canneto di Caronia 2  

 

E la Storia continua, speriamo senza disagi per gli esseri viventi della zona...

 

 Notizia dell'ultima ora

Il giorno 29 Luglio 2014, l'On. Bruno Mancuso ha presentato l'Interrogazione Parlamentare atto n° 294  al Senato della Repubblica Italiana per chiedere chiarimenti sui fatti anomali di Canneto di Caronia

 

 On Mancuso

 

Senato della Repubblica - Interrogazione Parlamentare

On. Bruno Mancuso

(fonti: AMnotizie.it, Gaus, Clarbruno Vedruccio, Wikipedia, Evidenza Aliena, DuerigheDue, Dipartimento Protezione Civile, RAI, Senato della Repubblica Italiana)

 

Alberto Negri